Category Archives: icone

Giorgio Moroder icona gay a 74 anni

Giorgio Moroder icona gay
Giorgio Moroder icona gay

Giorgo Moroder,  senza dubbio personaggio alle origini della musica disco ed ispirazione e autore di tante hit di successo è una icona della musica elettronica divenuto nel tempo punto di riferimento per generazioni di musicisti e interpreti. Ma Giorgio Moroder può anche definirsi una icona gay? Il suo iconico baffo anni 70 ha lanciato ma anche contribuito al mito di nomi leggendari dell’ iconografia gay internazionale come Donna Summer, Blondie, Freddie Mercury, Irene Cara e tanti altri. Il suo ultimo album, prodotto e uscito poco prima dei suoi 74 anni, è una conferma del laccio che lo lega inevitabilmente al panorama gay.  Uscito a distanza di trenta anni dal suo precedente album “Deja vu” è ricco di partecipazioni; da Kylie Minogue a Sia a Britney Spears, Kelis ed altri nomi inequivocabilmente legati al panorama gay. E che dire di “take my breath away” scritta per i Berlin colonna sonora di Top Gun oppure della colonna sonora di “American Gigolò” con Richar Gere o della mitica “What a feeling” traino di Flashdance? Tracce lasciate qua e la nella memoria che uniscono un percorso “gay addicted” musicale ben definito. Lui stesso ha dichiarato di amare le voci femminili della musica pop e con alcune di queste è riuscito ad avere delle collaborazioni artistiche. Un sound elettronico ispirazione per i Daft Punk che gli hanno anche dedicato un disco ma anche ispirazione per una linea di tastiere elettroniche a lui dedicata. Prepariamoci ad altre sorprese. Moroder non si ferma qui.

Questa la tracklist dell’ ultimo album “Deja vu”

01. 4 U With Love
02. Déjà Vu feat. Sia
03. Diamonds feat. Charli XCX
04. Don’t Let Go feat. Mikky Ekko
05. Right Here, Right Now feat. Kylie Minogue
06. Tempted feat. Matthew Koma
07. 74 is the New 24
08. Tom’s Diner feat. Britney Spears (Suzanne Vega cover)
09. Wildstar feat. Foxes
10. Back and Forth feat. Kelis
11. I Do This For You feat. Marlene
12. La Disco

Madonna Che Tempo Che Fa presenta il nuovo album ‘Rebel Heart’

madonna che tempo che fa
madonna che tempo che fa

La superstar Madonna sceglie la trasmissione di Rai Tre Che Tempo Che Fa condotta da Fabio Fazio e prodotta da Endemol Italia per lanciare il nuovo album Rebel Heart. Domenica 8 marzo dalle 20.10 Miss Ciccone sarà per la prima volta nella trasmissione di Fazio, in onda dalle ore 20.10, a 15 anni dalla sua ultima apparizione tv in un programma televisivo italiano (fu ospite nel dicembre del 200 di Raffaella Carrà a Carramba che fortuna). A dare la notizia – con la soddisfazione che ne conviene – è stato lo stesso conduttore tramite il suo profilo ufficiale Twitter. Madonna presenterà Rebel Heart, tredicesimo della sua carriera disponibile in tutto il mondo dal 9 marzo in digitale e dal 10 marzo nei negozi tradizionali su etichetta Interscope Records. In questo nuovo lavoro (registrato tra New York, Los Angeles e Londra) la popostar ha collabrato con Nicki Minaj, Kanye West, Nas, Chance the Rapper e Mike Tyson. Tra i produttori la stessa Madonna, Diplo, Kanye West, Billboard, Avicii, DJ Dahi e Blood Diamonds, Ryan Tedder, Toby Gad, e Ariel Rechtshald. L’album infatti sarà disponibile in Italia in diversi formati: standard, deluxe, in una versione limitata super deluxe, in Vinile (dal 31 marzo) e in un’edizione limitata disponibile in esclusiva negli store Media World. Per ogni versione cover e addirittura tracklist differenti.

Cher sta male e annulla il suo tour

cher
cher

Cher sembra proprio che versi in condizioni di salute precarie. Secondo quanto riferito da alcuni tabloid americani, infatti, la cantante sarebbe affetta dalla sindrome di Epstein-Barr, un disturbo che colpisce il sistema immunitario e rende le persone più esposte a infezioni batteriche e virali: se non verrà sottoposta a trapianto, afferma il tabloid Globe, avrebbe solo tre mesi di vita. L’infezione ha colpiti i reni di Cher e ha rallentato il processo di guarigione, tanto che la cantante ha deciso di annullare le 29 date rimanenti dell’ultimo Tour. Classe 1946, Cher è nata il 20 maggio a El Centro – in California – l’artista è una delle icone pop/dance mondiale, vanta una carriera incredibile: 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo, 37 album pubblicati e un premio Oscar vinto nel 1988 per la sua interpretazione nel film “Stregata dalla luna”. I suoi numeri sono da record: ve la ricordate la sua hit di successo “Believe” del 1998? La canzone detiene il record di singolo più venduto di una cantante donna in Inghilterra (10 milioni di copie). Purtroppo per ora non sembrano trapelare maggiori informazioni in merito alla salute di Cher, sono momenti di apprensione fino a che non verrà svelato qualcosa di più sulle reali e attuali condizioni dell’artista.

Rita Pavone si riprende il suo posto in TV

Rita Pavone
Rita Pavone

Sembrava un ritorno un po’ forzato, di quelli farciti di vecchi successi in playback e salottini televisivi. Invece Rita Pavone (68 anni) canta e balla più energica che mai. Un lifting c’era da aspettarselo per un ritorno sui palchi ed anche un disco, esattamente un album dal titolo Masters dove ha reinterpretato 15 successi americani che hanno accompagnato la sua adolescenza e gli inizi della carriera, proponendole anche in versione italiana. Un progetto interessante ma non entusiasmante che tuttavia le ha permesso di aprirsi un varco per l’escalation di passaggi televisivi che la stanno lentamente rilanciando.  Sobria, nostalgica al punto giusto ma con una energia inaspettata, Rita ripropone i suoi classici sempre e comunque dal vivo e non solo; brani di amici o particolarmente ispiranti per lei come “mi vendo” di Renato Zero. Giudice nel programma tv “La pista” non poteva esimersi dall’esibirsi con tanto di ballerini e coreografie che affronta da vera professionista. Bentornata Signora Pavone.

Amanda Lear My Happiness, tutto tranne che felicità

amanda lear my happiness
amanda lear my happiness

Amanda Lear My Happiness. Il nuovo prodotto discografico della celebre artista francese che indecisa tra teatro, pittura, musica e tv continua a sfornare un lavoro dietro l’altro incurante dei suoi 75 anni (circa). Questo nuovo prodotto discografico è un tributo di Amanda ad Elvis Presley in chiave sinfonica. Tutti i brani infatti sono stati ben riarrangiati per l’occasione. Il risultato è tuttavia devastante; un po’ parlato, un po’ cantato (per quanto la Lear più che cantare, sussurra) con quel suo accento inglese francesizzato che non si preoccupa di tenere a bada neanche nelle registrazioni discografiche. Ci si domanda perchè proprio Elvis e perchè proprio con l’orchestra. Per chi riesce ad addormentarsi con qualunque sottofondo.